La CTN Arricciati quest'anno, come già anticipato nei precedenti articoli, nell'ottica di avere nuove idee per la ristampa del libro di Criteri di Giudizio, ha coinvolto il nostro Club per avere alcuni spunti tecnici da pubblicare. Di seguito vi sono i documenti originali da noi portati e discussi ( cosa curata nei particolari da sig. Annaloro per il Club) recentemente. Siamo stati uno dei pochi Club ha dare il proprio contributo e a dibattere le varie tematiche. L'occasione poi è sta utile per ribadire che sarebbe opportuno cambiare con un anello più largo l'anello X oggi in vigore per l'arricciato Padovano.

 

Cosa curiosa .. rileggendo il verbale del 2016 .. troviamo che già in quell'occasione noi coerentemente avevamo proposto cose simili.. speriamo che la goccia continua buchi la montagna...  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sabato 15-10-2016, in occasione della Mostra Internazionale di Caorle (VE) si è tenuto un incontro tra gli iscritti al Club del Padovano e Giudici, allevatori, Giudici e Allievi Giudici (tre giunti addirittura dalla Campania) per discutere delle problematiche sui giudizi dei Padovani, gli attuali problemi della razza, come agire al meglio per migliorarla. 

Il Presidente della C.T.N. sig. Giuseppe Corsa ha ammesso la non conformità dei Giudizi che vengono dati a questi canarini il cui giudizio, va riconosciuto, non è tra quelli più semplici ed ha auspicato per il futuro una maggiore omogeneità nei Giudizi. Ha fatto presente che, purtroppo, molti Giudici hanno in testa un loro personale standard del Padovano e niente e nessuno, purtroppo, potrà cambiarlo tanto è radicato: la speranza è nelle nuove leve di Giudici che si stanno formando. Si è discusso su dei Padovani giudicati in mostra scelti, da noi del Club, tra quelli che presentavano delle peculiarità e problematiche specifiche che, invero, come Club solleviamo dal 1993 che, nonostante le belle parole, le rassicurazioni,  non vengono ancora recepite dopo 23 anni. E qualche giudizio dato a Caorle ne è stata la prova provata.  Il Presidente del Club sig. Angelo Antonello ha ricordato alla classe giudicante, presente in riunione, che la voce Testa e Collo nel Padovano vale 20 punti: ma al massimo, in sede di giudizio, in base a una sua indagine presso le mostre a cui ha preso parte, vengono tolti al massimo 4 punti anche se siamo in presenza di difetti evidentissimi. Allo scopo è stato portato sul tavolo della discussione un Padovano ciuffato pezzato ardesia con un ciuffo scandaloso, sollevato sul posteriore, non centrato, ma con un ottimo piumaggio che era stato giudicato con 89 punti classificato al secondo posto. Ricordiamo che la testa e il ciuffo sono le voci più importanti del Padovano. Utilizzando le penalizzazioni a disposizioni abbiamo dimostrato che quel soggetto con un -5 un -6 nella testa e collo, dal -4 che era stato assegnato, avrebbe raggiunto, senza sollevare nessuno scandalo, gli 88-87 punti; non avrebbe vinto nulla e, probabilmente, l’allevatore lo avrebbe  ceduto al negoziante che lo avrebbe spedito il Libano alla prima occasione piuttosto che, forte del giudizio e del premio ottenuto, metterlo in riproduzione la prossima primavera con tutte le conseguenze del caso per la Razza. Viene alla mente il film “È già ieri”  del 2004 dove Antonio Albanese interpreta un divulgatore televisivo condannato a svegliarsi ogni mattina e a rivivere esattamente ciò che aveva vissuto il giorno prima. Stesso destino tocca agli allevatori di Padovani che espongono i canarini alle mostre anche alle più importanti attivando la funzione “memoria”. Certi giudizi, molte giustificazioni, tante non penalizzazioni, parecchi proclami, lasciano addosso la fastidiosa sensazione di averli già visti, letti o sentiti. Eppure pare sempre un giorno nuovo. E’ sconfortante.  Il presidente Corsa ha messo in evidenza il piumaggio del Padovano che non deve essere sul tipo del Parigino. Come Club abbiamo fatto presente e ribadito che il Padovano NON va accoppiato con il Parigino ma resta pur sempre tra i canarini che fino a  pochi anni fa erano definiti Arricciati Pesanti: rimane sempre un canarino la cui lunghezza è di 18-19 centimetri. Certamente quello del piumaggio non è mai stato un problema nel Padovano. Chiariamoci subito: giusto penalizzare, in maniera drastica, Padovani palesemente meticciati con il Parigino come, purtroppo in questi anni molti allevatori hanno fatto; giuste l’inasprimento delle sanzioni decise a settembre 2015 dalla C.T.N in presenza di canarini che presentano evidenti segni di accoppiamenti con altre Razze ciò detto, però, il Padovano NON è un Arricciato del Nord con il ciuffo!!!L’abbiamo sempre detto e lo ribadiamo. Passando ad un altro argomento si è discusso del collarino nota dolente della Razza; è stato ribadito che, da standard, NON  devono essere molti sviluppati sul posteriore anche perché andrebbero ad interferire con il ciuffo rovinandolo. Si ribadisce che collarino del Padovano NULLA ha a che vedere con quello del Parigino. Il collare del Padovano è un segno di distinzione della Razza. Nessun altro arricciato ha la forma del collarino come richiesto dallo standard del Padovano, men che meno il Parigino. I collarini di oggi risultano sempre troppo alti anche se noi del Club stiamo lavorando moltissimo, e non da oggi, su questo connotato. Quando è stato fondato il nostro Club moltissimi Padovani in mostra non avevano il collarino; oggi lo hanno la stragrande maggioranza dei soggetti: la speranza è che tra qualche anno si riesca a selezionarli bassi, come richiesto dallo standard. Questo farebbe anche in modo di risolvere alcune tematiche legate al ciuffo; non è facile ma si può fare. A Reggio Emilia nel 2015 è stato esposto un Padovano di un nostro socio con un collarino perfetto sia come altezza che come forma. Purtroppo, al momento, sono minoranza. Rimane comunque la prova provata che è possibile ottenere collarini come richiede lo standard. E’ stato altresì ricordato ai Giudici e agli Allievi presenti la disposizione che implica di non assegnare i 90 punti in presenza di un canarino sprovvisto di questa arricciatura secondaria. Noi responsabili del Club abbiamo anche fatto anche presente, per sgombrare il campo da ogni equivoco, che le unghie storte soprattutto la posteriore NON sono un evidente segno di accoppiamenti con l’Arricciato di Parigi: capita in tutti i canarini di media e grande mole. Per dire: tanti Arricciati del Nord, adulti e non, hanno le unghie posteriori leggermente storte; incrociati anche loro con i Parigini? Certo che no. Vanno penalizzate  quando e il caso e tutto finisce li. Non serve a nessuno fare dietrologia. NON sono un evidente segno di meticciamento come alcuni Giudici, non avendoli mai allevati, credono. Non ci stancheremo mai di proporre questi incontri: solo sollevando i problemi, parlandone  e confrontandoci, litigando anche si possono affrontare le tematiche e risolvere i problemi. Essere allevatore non è sinonimo di competenza a prescindere, avere il tesserino da Giudice non è sinonimo di infallibilità in tutte le razze, l’incontro delle parti e la reciproca collaborazione è il futuro delle razze. Il Padovano per via anche delle arricciature secondarie non è un canarino semplice da giudicare, ne siamo consapevoli. Andrebbe, tenuto presente quando, in sede di giudizio, si decide chi giudica cosa in attesa che la situazione giudizi migliori: sono sempre quei Giudici che non sbagliano un Padovano; sono sempre quelli che non ne azzeccano uno. Ma non succede mai nulla. Si è di fronte alla fabbrica delle giustificazioni quando non si nega financo l’evidenza di fronte di valutazioni che non stanno in cielo e in terra. Mai dimenticare che si ha sul tavolo il lavoro di un anno intero di un allevatore. Abbiamo ribadito al Presidente della C.T.N. che il Giudice con il lavoro, indirizza verso una giusta selezione della Razza che giudica; un allevatore che riceve un buon punteggio con un Padovano palesemente carente in Testa a e collo sicuramente lo metterà in riproduzione forte del punteggio ottenuto: con il risultato di non migliorare la Razza ma peggiorarla: sono aspetti che non vanno tralasciati. Sappiamo benissimo che molti allevatori, assemblano le coppie a fronte dei giudizi che i canarini hanno ottenuto in mostra. Con tutto quello che di negativo poi ne consegue se i punteggi non sono veritieri. Ma non ne parla mai nessuno. E’ un argomento tabù su cui si preferisce sorvolare e parlar d’altro. A fronte di un giudizio di 89 o 90 punti hai un bel dire all’allevatore di togliere quel soggetto dalla riproduzione perché non idoneo magari di Testa o Collo: non lo farà mai. Con il risultato, concreto, di non riuscire a migliorare la Razza. E questo discorso vale per tutti i canarini: si pensi, per dire, alla taglia del Meringher. Il miglioramento delle Razze dei canarini, nessuna esclusa, passa anche dai Giudici.

 

Vogliamo altresì far presente che dagli Allievi Giudici presenti al Simposio, salvo un’eccezione, ci aspettavamo ben altro coinvolgimento nella discussione: non hanno proferito verbo restando sempre ai margini senza dare un loro apporto costruttivo a quanto si stava dibattendo. Si sono notati solo quando c’è stato da ritirare il diploma di partecipazione. E se il buon giorno si vede dal mattino… Dopo tanti anni, necessariamente, dobbiamo giungere a delle concrete conclusioni. Caorle, come del resto le riunioni degli anni scorsi, ivi compresa la riunione di aggiornamento del Giudici tenutasi a settembre 2015 a Piacenza, sono stati luoghi di incontro molto importanti: occorre come sempre passare dalla teoria, dalle belle parole ai fatti concreti. L’esperienza, però, insegna che è molto difficile ottenerlo. E non solo in canaricoltura. 

 

Il Club dell’Arricciato Padovano

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now